Gli approfondimenti del lunedì
L'esperto risponde
FISCO
Dal 2012 forfait al 5% per i nuovi «minimi»
Sono un commerciante, che dal 2008 ha applicato il regime dei minimi,di cui all'articolo 1, commi da 96 a 117, legge 244/2007, pagandol'Iva sulle merci in rimanenza a fine 2007e sui beni strumentali. A quanto mi risulta, poiché sono di età superiore a 35 anni,dal 2012 non potrò più applicare il regimedei minimi. Vorrei avere qualche precisazione in meritoe sapere cosa potrò fare nel 2012.L. F. – CATANIA



Una persona fisica, che ha iniziato l'attività prima del 2008 e che in tale anno è passata al regime dei minimi (di cui all'articolo 1, commi da 96 a 117, della legge 244/2007), a prescindere dall'età, dal 2012 non potrà più applicare il regime stesso, che dal prossimo anno sarà "super-scontato" con l'imposta sostitutiva ridotta dal 20 al 5 per cento. Il discorso sarebbe diverso se la stessa persona ultratrentacinquenne avesse iniziato l'attività nel 2008 o in anni successivi: in questi casi, potrebbe comunque rimanere nei minimi fino al quarto anno successivo a quello di inizio attività.
Riduzione drastica
La disposizione sui nuovi minimi (articolo 27 della manovra estiva, Dl 6 luglio 2011, n. 98, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n. 111) comporta una notevole riduzione dei contribuenti interessati. Secondo alcune stime, gli attuali minimi potrebbero ridursi fino a un massimo del 95 per cento. Potranno fruire del nuovo regime le persone fisiche e, in particolare, i giovani o coloro che perdono il lavoro. Il nuovo regime, con il forfait del 5% sul reddito dichiarato, potrà essere applicato per l'anno in cui l'attività è iniziata e per i quattro successivi, ma anche dopo i cinque anni e fino al compimento del 35º anno di età, solo dalle persone fisiche:
a) che intraprendono un'attività d'impresa, arte o professione;
b) che l'hanno intrapresa a partire dal 1º gennaio 2008.
Per i nuovi minimi sono previste alcune condizioni, quale quella di non avere esercitato, nei tre anni precedenti l'inizio dell'attività, un'altra attività artistica, professionale o d'impresa, anche in forma associata o familiare. Un'altra condizione riguarda il caso di prosecuzione di un'attività d'impresa svolta in precedenza da altro soggetto; in questo caso, l'ammontare dei ricavi realizzati nell'anno precedente non deve superare i 30mila euro, cioè il limite già previsto per i vecchi minimi. I nuovi minimi del 2012 devono comunque possedere i requisiti previsti dal vecchio regime. Per la determinazione del limite dei 30mila euro non rilevano i ricavi e i compensi derivanti dall'adeguamento agli studi di settore o ai parametri, mentre, se sono esercitate contemporaneamente più attività, il limite va riferito alla somma dei ricavi e compensi relativi alle singole attività.
Ulteriori condizioni
Per applicare il regime è, altresì, necessario rispettare ulteriori condizioni. In particolare, nell'anno solare precedente il contribuente:
• non deve avere effettuato cessioniall'esportazione, ovvero operazioni assimilate alle cessioni all'esportazione, servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali, operazioni con lo Stato della Città del Vaticano o con la Repubblica di San Marino, trattati e accordi internazionali;
• non deve avere sostenuto spese per lavoro dipendente o per collaboratori, anche assunti con le modalità riconducibili a un progetto o programma di lavoro, o fase di esso, nonché spese per prestazioni di lavoro effettuate dall'imprenditore stesso o dai suoi familiari, a eccezione dei compensi ai collaboratori dell'impresa familiare;
• non deve avere erogato somme sotto forma di utili di partecipazione agli associati con apporto costituito da solo lavoro;
• non deve avere acquistato, anche mediante contratti di appalto e di locazione, nei tre anni precedenti a quello di entrata nel regime, beni strumentali di valore complessivo superiore a 15mila euro; il valore è costituito dall'ammontare dei corrispettivi relativi alle operazioni di acquisto effettuate anche da privati; per i beni strumentali solo in parte usati nell'ambito dell'attività di impresa o lavoro autonomo rileva un valore pari al 50% dei corrispettivi.
Chi è escluso
Sono previste specifiche esclusioni dal regime dei minimi. Una riguarda le persone fisiche, che, oltre a esercitare in proprio un'attività d'impresa, arte o professione, sono titolari di redditi di partecipazione in una società di persone.
Al riguardo, nella circolare 73/E del 21 dicembre 2007, al paragrafo 2.2 «fattispecie di esclusione dal regime» l'agenzia delle Entrate avverte: «Non rientrano, infine, tra i contribuenti minimi coloro che, pur esercitando attività imprenditoriale, artistica o professionale in forma individuale, partecipano, nel contempo, a società di persone o ad associazioni professionali, costituite in forma associata per l'esercizio della professione, di cui all'articolo 5 del Tuir, o a società a responsabilità limitata a ristretta base proprietaria che hanno optato per la trasparenza fiscale, ai sensi dell'articolo 116 del Tuir».
Sono inoltre esclusi dal regime dei minimi i soggetti non residenti che svolgono l'attività nel territorio dello Stato e coloro che si avvalgono di regimi speciali di determinazione dell'Iva. In proposito, l'agenzia delle Entrate, nel citato paragrafo 2.2, afferma che non sono compatibili con il regime dei minimi i regimi speciali Iva per:
• agricoltura e attività connesse e pesca (articoli 34 e 34-bis, Dpr 633/72);
• vendita di sali e tabacchi (articolo 74, primo comma, Dpr 633/72);
• commercio dei fiammiferi (articolo 74, primo comma, Dpr 633/72);
• editoria (articolo 74, primo comma, Dpr 633/72);
• gestione di servizi di telefonia pubblica (articolo 74, primo comma, Dpr 633/72);
• rivendita di documenti di trasporto pubblico e di sosta (articolo 74, primo comma, Dpr 633/72);
• intrattenimenti, giochi e altre attività di cui alla tariffa allegata al Dpr 640/72 (articolo 74, sesto comma, Dpr 633/72);
• agenzie di viaggi e turismo (articolo 74-ter, Dpr 633/72);
• agriturismo (articolo 5, comma 2, legge 413/91);
• vendite a domicilio (articolo 25-bis, comma 6, Dpr 600/73);
• rivendita di beni usati, di oggetti d'arte, d'antiquariato o da collezione (articolo 36, decreto legge 41/95);
• agenzie di vendite all'asta di oggetti d'arte, antiquariato o da collezione (articolo 40-bis, decreto legge 41/95).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Punto


Conti super-semplificati
per chi rimarrà escluso
Particolari semplificazioni sono previste per le persone fisiche che possiedono i requisiti previsti per il regime dei minimi applicabile fino al 2011, ma non quelli previsti dalla norma che entrerà in vigore dal 2012. Il divieto d'accesso al nuovo regime dei minimi riguarderà anche le persone fisiche che dal 2008 erano passate al regime dei minimi.
Esoneri ed esenzioni
Questi contribuenti, cosiddetti "vecchi minimi", godranno però di un regime residuale con contabilità super-semplificata; essi saranno esonerati dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili, nonché dalle liquidazioni e dai versamenti periodici Iva. Saranno altresì esenti dall'Irap. In pratica, i "vecchi minimi" diventeranno contribuenti ordinari Iva, eseguendo solo il conguaglio Iva, a debito o a credito, in sede di liquidazione annuale, e saranno contribuenti semplificati ai fini Irpef. Inoltre, saranno soggetti agli studi di settore.
La determinazione del reddito avverrà in modo analitico (ricavi meno costi per le imprese, compensi meno spese per i professionisti) e il reddito sarà soggetto alle normali aliquote Irpef e alle eventuali addizionali regionali e comunali all'Irpef.
Ogni agevolazione finirà, invece, per i "minimi" nel regime attualmente in corso, a partire dall'anno successivo a quello in cui viene meno una delle condizioni di legge. Può essere il caso della persona che supererà il limite di 30mila euro nel 2012, facendo cessare le semplificazioni previste. Per "vecchi minimi", comunque, si intendono, di norma, coloro che saranno esclusi per legge dal nuovo regime dal 2012, come quelli che hanno iniziato l'attività prima del 2008.
La rettifica effettuata
I contribuenti che dal 2008 applicano il regime dei minimi hanno dovuto operare la rettifica Iva sulle merci in giacenza al 31 dicembre 2007 e sui beni strumentali. Al riguardo, l'agenzia delle Entrate, nella circolare 73/E del 21 dicembre 2007, al paragrafo 3.1.4 («rettifica della detrazione»), avverte che: «L'applicazione del regime dei contribuenti minimi comporta la rettifica dell'Iva già detratta negli anni in cui si è applicato il regime ordinario, ai sensi dell'articolo 19-bis2 del Dpr n. 633 del 1972. ...In tale circostanza, l'Iva relativa a beni e servizi non ancora ceduti o non ancora utilizzati deve essere rettificata in un'unica soluzione, senza attendere il materiale impiego degli stessi, fatta eccezione per i beni ammortizzabili, compresi i beni immateriali, la cui rettifica va eseguita soltanto se non siano ancora trascorsi quattro anni da quello della loro entrata in funzione, ovvero dieci anni dalla data di acquisto o di ultimazione se trattasi di fabbricati o loro porzioni».
La rettifica non deve essere effettuata per i beni ammortizzabili di costo unitario fino a 516,46 euro e per i beni il cui coefficiente di ammortamento stabilito ai fini delle imposte sul reddito è superiore al 25 per cento. Per contro, la rettifica Iva va fatta anche per i beni strumentali di costo unitario fino a 516,46 euro e per i beni il cui coefficiente di ammortamento è superiore al 25%, che non sono ancora entrati in funzione al momento del passaggio al regime dei minimi, cioè i beni per i quali non sono state ancora eseguite le deduzioni integrali o delle relative quote di ammortamento (circolare 7/E del 28 gennaio 2008, paragrafo 2.8 «beni strumentali»).
Le persone fisiche che dal 1º gennaio 2008 applicano il regime dei minimi hanno perciò dovuto versare l'Iva relativa alla rettifica, per le merci in rimanenza al 31 dicembre 2007 e per i beni strumentali. L'Iva poteva essere versata in un'unica soluzione o in cinque rate annuali di pari importo, senza interessi. La prima o unica rata doveva essere versata entro il termine previsto per il versamento del saldo dell'Iva relativa all'anno precedente a quello di applicazione del regime, mentre le rate successive si dovevano versare entro i termini del versamento a saldo dell'imposta sostitutiva dell'Irpef. Le rettifiche della detrazione andavano effettuate nella prima dichiarazione annuale Iva presentata dopo l'ingresso nel regime, cioè in quella relativa all'anno precedente al transito nel regime dei minimi. Ad esempio, coloro che sono "passati" il 1º gennaio 2008 hanno dovuto indicare le rettifiche della detrazione nella dichiarazione annuale Iva relativa al 2007 presentata nel 2008.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per una visione di sintesi si rinvia alla tabella allegata

Ogni lunedì in edicola
Tutti i lunedì in edicola con Il Sole 24 Ore l'inserto con le risposte degli esperti alle domande dei lettori. E, in più, gli Approfondimenti del Lunedì sui quesiti di maggiore attualità, arricchito - ogni 15 giorni - dalla rubrica con le scadenze