Successioni e donazioni

Il diritto di prelazione nella comunione ereditaria

BV
Con un testamento olografo la defunta ha disposto di lasciare ai nipoti A e B (figli di un fratello) e ai nipoti C e D (figli di un altro fratello) un locale a uso garage-deposito. In particolare, il testamento prevede che ad A e B vadano i 3/4 del valore del locale (e non dei metri) mentre a C e D il restante quarto. La previsione nel testamento di una divisione sulla base del valore è con ogni probabilità da ricondurre alla difficoltà di procedere a una divisione basata sui metri quadri, data la particolare conformazione del locale. Si chiede come procedere nel percorso del passaggio del bene nel rispetto della volontà della testatrice e, in particolare, se è possibile che i fratelli A e B (quota 3/4) presentino una dichiarazione di successione in via autonoma per la sola quota di propria spettanza (si tratterebbe di una dichiarazione integrativa di una presentata nel 2009 sulla base di un altro testamento dichiarato non valido con sentenza) e se vi è un diritto di prelazione nei confronti della quota minore.

QUESITO CON RISPOSTA A CURA DI

Procedi con la lettura del Quesito

La lettura di Quesiti, anche nella modalità Free, è riservata agli iscritti al servizio dell'Esperto Risponde. Registrati per consultare questo contenuto.

Oppure
Sottoscrivi un abbonamento
CheckAssegniamo il quesito all'Esperto più competente sull'argomento trattato
CheckSeguiamo un processo di revisione a garanzia della qualità della risposta
CheckCi impegniamo a rispondere entro 72 ore dall'accettazione del quesito
CheckSe necessario, ti inviamo una richiesta di chiarimento per fornirti la risposta più completa
A partire da
49,00€
loading...