Diritto societario

Imparzialità e indipendenza del sindaco revisore

RR
Dalla recente sentenza 29406 del 10 ottobre 2022 della Corte di cassazione civile, sezione II civile, appare evidente che la Corte abbia statuito alcune situazioni che possono compromettere la "imparzialità e indipendenza" del sindaco revisore nello svolgimento dell'incarico (articolo 2399 del Codice civile). Nella pratica il revisore è chiamato, per esempio, ad apporre il visto "leggero", e pertanto è tenuto a predisporre e presentare lui stesso la dichiarazione come intermediario, nonché, durante l'anno, le varie comunicazioni dati. Inoltre, come soggetto incaricato, di solito predispone e deposita la pratica di bilancio in Camera di commercio. È capitato anche che il sindaco stesso abbia proposto istanza di autotutela agli uffici competenti. Queste attività, svolte e retribuite separatamente da quella di sindaco/revisore, anche in presenza di consulenti fiscali e del lavoro indipendenti e senza legami con il sindaco/revisore, possono rientrare nelle cause di ineleggibilità?

QUESITO CON RISPOSTA A CURA DI

Procedi con la lettura del Quesito

La lettura di Quesiti, anche nella modalità Free, è riservata agli iscritti al servizio dell'Esperto Risponde. Registrati per consultare questo contenuto.

Oppure
Sottoscrivi un abbonamento
CheckAssegniamo il quesito all'Esperto più competente sull'argomento trattato
CheckSeguiamo un processo di revisione a garanzia della qualità della risposta
CheckCi impegniamo a rispondere entro 72 ore dall'accettazione del quesito
CheckSe necessario, ti inviamo una richiesta di chiarimento per fornirti la risposta più completa
A partire da
49,00€
loading...