Successioni e donazioni

Niente prelazione se è cessata la comunione ereditaria

PP
A seguito di più successioni ereditarie (tre, per la precisione), quattro fratelli sono diventati proprietari, con quote indivise e uguali, di un piccolo fabbricato e di un appezzamento di terreno di circa mille metri quadrati, con destinazione urbanistica in zona di completamento. Due dei quattro fratelli hanno firmato un preliminare di compravendita con un terzo, estraneo alla famiglia, trasmettendolo agli altri due per l'eventuale esercizio del diritto di prelazione. Il diritto di prelazione è stato esercitato, ma poco dopo è stato rigettato in base al presupposto che tale diritto era venuto meno in quanto, con l'ultima successione ereditaria, era stato estinto un libretto di deposito postale, mentre il diritto di prelazione andava esercitato sull'intero asset ereditario. È corretto quanto affermato? Il libretto non faceva parte delle prime due successioni, in quanto era nelle disponibilità del terzo fratello defunto, ed era cointestato con gli altri due che hanno firmato il preliminare.

QUESITO CON RISPOSTA A CURA DI

Procedi con la lettura del Quesito

La lettura di Quesiti, anche nella modalità Free, è riservata agli iscritti al servizio dell'Esperto Risponde. Registrati per consultare questo contenuto.

Oppure
Sottoscrivi un abbonamento
CheckAssegniamo il quesito all'Esperto più competente sull'argomento trattato
CheckSeguiamo un processo di revisione a garanzia della qualità della risposta
CheckCi impegniamo a rispondere entro 72 ore dall'accettazione del quesito
CheckSe necessario, ti inviamo una richiesta di chiarimento per fornirti la risposta più completa
A partire da
49,00€
loading...