Bonus edilizi

Sta alle banche sbloccare i crediti «incagliati» del 110%

GM
Sono un pensionato che all'inizio del 2022 ha preso in carico un credito fiscale (superbonus) del figlio per lavori da lui effettuati sulla casa di proprietà nel 2021, convinto - erroneamente - che fosse possibile la compensazione tramite la mia dichiarazione dei redditi. In occasione della dichiarazione relativa all'anno 2021, prendevo atto che non potevo recuperare il credito tramite il 730 e quindi che avevo perso il credito del primo anno e avrei perso i successivi se non avessi trovato un istituto dove trasferirli. A quel punto mi sono trovato nel cassetto fiscale quattro annualità che avrei potuto recuperare "solo" girandole a un istituto di credito. Da luglio dell'anno scorso ho interpellato alcuni istituti ma mi sono sempre sentito che «le cessioni attualmente sono bloccate». Adesso, a seguito dell'ultimo decreto, leggo che il Governo cerca di aprire le cessioni per alcune categorie di cittadini che rispettino date di presentazione documenti (Cilas ) e/o avanzamento o termine dei lavori, non una parola per i crediti fermi nei cassetti fiscali bloccati. Si profilano soluzioni per il mio caso?

QUESITO CON RISPOSTA A CURA DI

Procedi con la lettura del Quesito

La lettura di Quesiti, anche nella modalità Free, è riservata agli iscritti al servizio dell'Esperto Risponde. Registrati per consultare questo contenuto.

Oppure
Sottoscrivi un abbonamento
CheckAssegniamo il quesito all'Esperto più competente sull'argomento trattato
CheckSeguiamo un processo di revisione a garanzia della qualità della risposta
CheckCi impegniamo a rispondere entro 72 ore dall'accettazione del quesito
CheckSe necessario, ti inviamo una richiesta di chiarimento per fornirti la risposta più completa
A partire da
49,00€
loading...