Gli approfondimenti del lunedì
L'esperto risponde
PAGAMENTI
Pensioni oltre 1.000 euro «appoggiate» a un conto
Sono un pensionato Inps, e percepisco una pensione netta mensile di 950 euro. Riscuoto periodicamente l'importo dovuto in contanti, recandomi agli sportelli postali.
Ho letto di una normativa che mi obbligherebbe all'accredito della pensione su un conto corrente bancario o postale se l'importo da incassare fosse superiore a 1.000 euro. Questa cosa mi preoccupa perché, nei prossimi mesi, incasserò degli arretrati pensionistici, ragion per cui e quasi certamente supererò il limite.
Sono corrette le informazioni che ho letto? In questo caso, dunque, dovrei attivarmi preventivamente per l'apertura del conto corrente in banca o in Posta?
C.M. - COMO

Dal 1° luglio 2012 le pensioni di importo superiore a 1.000 euro non possono essere pagate in contanti agli sportelli degli uffici postali. L'operazione va effettuata usando strumenti di pagamento elettronici: un conto corrente bancario o postale, un libretto postale, una carta prepagata abilitata (o altri mezzi in grado di assicurare comunque la tracciabilità) su cui sarà accreditata la pensione . L'obbligo non significa che il pensionato non può prelevare denaro contante. Infatti, la pensione dovrà preventivamente transitare su un conto corrente, su un libretto postale eccetera e poi potrà essere effettuato il prelievo del denaro. L'obbligo riguarda non solo le pensioni, ma più in generale gli stipendi e i compensi comunque corrisposti da pubbliche amministrazioni centrali e locali.
Erogazioni una tantum
L'Inps ha chiarito che, ai fini del computo dei 1.000 euro, non rilevano le erogazioni una tantum, come la 13ª mensilità (messaggio 10885 del 28 giugno 2012). Il medesimo principio si applica per le altre erogazioni “eccezionali” che potrebbero dare luogo al superamento. Si tratta, ad esempio, del pagamento degli arretrati pensionistici (cui fa riferimento il lettore) e degli eventuali conguagli fiscali. L'istituto previdenziale ha inteso così evitare che, qualora l'importo da riscuotere superasse il limite di 1.000 euro occasionalmente, il pensionato fosse vincolato alla preventiva apertura di un conto corrente bancario o postale.
La disposizione riguardante le pensioni ha finalità diverse rispetto a quelle previste dalle misure in tema di antiriciclaggio. Infatti, il pagamento delle pensioni in contanti non presenta alcun profilo di rischio sotto questo profilo. Il legislatore ha voluto ridurre i costi di “gestione” del denaro contante favorendo, allo stesso tempo, la tracciabilità dei flussi finanziari, anche per esigenze di controllo.
Una delle voci di costo più significative è rappresentata dalla spesa per assicurare il servizio di sicurezza del trasporto del contante. Diversamente, a seguito della limitazione introdotta, che ha ridotto i prelievi in contante, è stato possibile ridurre le corrispondenti voci di costo di gestione delle operazioni.
Le alternative
Per rendere possibile la riscossione delle pensioni di importo superiore alla soglia citata, un pensionato ha a disposizione diverse alternative. Infatti, non solo può chiedere l'accredito su un conto corrente bancario o postale, ma può ottenere, ad esempio, che l'importo dovuto sia “caricato” su un'apposita carta di pagamento. Questa carta rappresenta uno strumento utilizzabile negli esercizi commerciali per effettuare i pagamenti degli acquisti effettuati. In questo modo si limita al massimo il rischio di truffe, rapine, furti, anche a beneficio della sicurezza dei cittadini. Pur se la limitazione assolve ad altre finalità, il legislatore ha ottenuto una maggiore tracciabilità delle altre operazioni di acquisto. Pertanto (anche se non è lo scopo principale) la misura è idonea a contrastare, sia pure in parte, l'evasione fiscale.
Nel periodo di prima applicazione della normativa (ormai chiuso da tempo) è stata prevista una fase transitoria di tre mesi durante la quale l'Inps ha continuato a disporre i pagamenti mensili, in attesa che i pensionati effettuassero la scelta delle modalità alternative alla riscossione in contanti (conto corrente, carta prepagata eccetera). Ora le disposizioni sono pienamente in vigore. Pertanto, non è più possibile ottenere il pagamento della pensione in contanti qualora sia superata la soglia di mille euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA





I punti da considerare (vedi grafico)


Domande e risposte (vedi grafico)



LE PAROLE
CHIAVE

Clausola di non trasferibilità
Clausola che impedisce la girata dell'assegno, e di fatto rende l'assegno un titolo nominativo, consentendone l'incasso solo al beneficiario.
Comunicazione di infrazione
Procedura attraverso la quale un professionista (destinatario delle disposizioni antiriciclaggio) comunica al ministero dell'Economia il trasferimento di denaro contante, tra soggetti diversi, in misura pari o superiore a 1.000 euro.
Oblazione
È un meccanismo (ex articolo 16 della legge 689/1981) che consente ai soggetti i quali hanno effettuato un trasferimento di denaro contante in misura pari o superiore a 1.000 euro di ottenere una riduzione della sanzione per la violazione commessa. L'oblazione si applica anche alle violazioni relative a libretti di deposito, assegni bancari e postali, assegni circolari, vaglia postali e cambiari, purché di importo inferiore a 250.000 euro.
Operazione frazionata
È una operazione unitaria sotto il profilo economico, ma costituita da due o più pagamenti effettuati in momenti diversi al fine di suddividere l'operazione stessa e, quindi, non raggiungere o superare il limite di 1.000 euro (per ciascun pagamento), eludendo il divieto di trasferire denaro contante per importi pari o superiori alla soglia citata.
Pagamento rateizzato
di una fattura

Consiste in un accordo, recepito dalla prassi commerciale, attraverso il quale le parti si accordano per effettuare il pagamento del debito complessivo in due o più rate, con scadenza a un determinato numero di giorni rispetto alla data della fattura.
Prelevamento bancario
Disposizione attraverso la quale un soggetto titolare di un rapporto di conto corrente entra fisicamente in possesso del denaro depositato presso la banca. L'operazione di trasferimento non dà luogo al trasferimento di denaro contante in favore di un soggetto diverso: quindi non si applica il limite di 1.000 euro.
Prelevamento di sportello
Disposizione di prelevamento effettuata presso un intermediario finanziario (banca, Poste eccetera).

Ogni lunedì in edicola
Tutti i lunedì in edicola con Il Sole 24Ore l'inserto con le risposte degli esperti alle domande dei lettori. E, in più, gli Approfondimenti del Lunedì sui quesiti di maggiore attualità, arricchito - ogni 15 giorni - dalla rubrica con le scadenze.